7+1 cose da fare a Londra (quando ormai siamo all’ottocentesimo viaggio a Londra)

E’ già inspiegabilmente passato quasi un mese da quando ho rimesso piede in terra italiana, lasciandomi alle spalle sei mesi di vita da studentessa Erasmus nella piccola, pittoresca Durham. Durante la prima parte del 2016 però, nonostante fossi nello sperduto Nord, ho spesso e volentieri fatto spola col Sud. Per intenderci: sono stata qualcosa come sette volte a Londra.
Digitando “Londra” su Google è praticamente impossibile evitare di imbattersi nella famosa citazione di Samuel Johnson: “Quando un uomo è stanco di Londra, è stanco della vita, perché a Londra si trova tutto quello che la vita può offrire”. Vero. Londra ti entra dentro e non ti molla più, il tuo cervello scatta fotogrammi a ripetizione di ogni angolo della città e sembra che la sua memoria interna non finisca mai, tanti ne puoi collezionare, uno più vivido dell’altro. Da qui è nata l’idea per questo post: sono tornata nei posti che mi avevano lasciato con gli occhi a cuoricino le mie prime volte a Londra, ma trovandomi nella condizione di doverci passare giornate intere, spesso anche da sola, ho dovuto per forza cercare altro. E questo altro si è rivelato ancora più bello, a volte, dei “classici di Londra” in cui pullulano turisti con smartphone alla mano.

Una passeggiata nel parco
Ricordo ancora che, a sedici anni, la prima volta a Londra della mia vita, il primo parco in cui venni portato fu St. James Park e il secondo, come di routine, Hyde Park. Scendemmo a Hyde Park Corner. Quel che ho scoperto è che se invece si sceglie la fermata di Lancaster Gate, poco lontano dai cancelli d’ingresso si trova la statua di bronzo di Peter Pan. Non è enorme, non è imponente, ma è situata in un angolo così tranquillo della città che le due panchine davanti al bambino che non voleva crescere sembrano davvero un invito a sedersi e sperare che il tempo si fermi. Chi ha visto “Due gemelle a Londra” ripenserà automaticamente alla scena romantica fra una delle sorelle Olsen e il suo piccolo lord inglese/cotta momentanea, girata proprio di fronte alla statua di Peter Pan. Chi è amante di Barrie può semplicemente toccare con mano ciò che fino a quel momento si era limitato a immaginare.
Un parco invece che spesso non è incluso nelle guide e che è decisamente sottovalutato è Holland Park. La fermata Holland Park è momentaneamente chiusa, quindi lo si raggiunge scendendo a Notting Hill Gate e camminando per una ventina di minuti. È un parco poco frequentato da turisti, dove ancora ci sono un sacco di nonni e nonne a spettegolare sulle panchine, e il suo angolo più bello è decisamente Kyoto Garden, un giardino giapponese che catapulta chi lo visita direttamente fra i ciliegi in fiore. Se siete fortunati, il pavone, libero di andare dove vuole nel giardino, farà mostra delle sue splendide piume colorate e si farà fare anche qualche foto.

peter

hollandpark

holland

Un’altra idea di “natura”
La Hackney City Farm è una fattoria nel cuore di Londra, non lontana dalla fermata di Bethnal Green. Se la giornata promette bene ma la passeggiata nei vari parchi ha già dato i suoi frutti, osservare asinelli e galline scorrazzare liberi come solitamente solo in campagna succede può essere un’ottima alternativa. E se il tempo poi tornasse ad essere il classico londinese (ma anche se rimanesse vagamente soleggiato) ci si può fermare al cafè della fattoria, dove il cibo è biologico e vegetariani e vegani si sentiranno davvero a casa.

hackney

hanc

Oltre i “soliti musei”
Mettiamo “soliti musei” fra virgolette e sottolineiamo tutti insieme che la National Gallery non sarà mai banale. I musei di Londra sono tanti, interessanti, importanti, meravigliosamente gratuiti. Ma se un giorno venisse voglia di cambiare, come è successo a me, c’è un museo che di solito i turisti dimenticano: il Museum of London. A pochi passi dalla fermata di Barbican, come facilmente intuibile, è un museo basato sulla storia della capitale inglese dai suoi albori. Purtroppo quando l’ho visitato la parte del Great Fire del 1666 era chiusa perché stavano allestendo una mostra temporanea (dal 23.07.2016 al 17.04.2017) proprio sull’incendio, una sorta di celebrazione dei 350 anni passati dal tragico evento. Comunque, ho apprezzato tutto il resto, e come al solito, l’ingresso è gratuito.

lll

lond

Dopo Portobello Market e Brick Lane
Potrei trascorrere ogni sabato e domenica mattina girellando per questi due mercati: sono uno più bello e caratteristico dell’altro e non credo potranno mai stancarmi davvero. Nel caso in cui però qualcuno non riuscisse a essere a Londra nel weekend, oppure avesse voglia di visitare un mercato “fisso” che non sia l’adorabile e famosissimo Camden Lock, Borough Market e Old Spitalfields Market sono due valide alternative. Il primo è aperto dal lunedì al sabato e si trova praticamente accanto all’uscita della fermata di London Bridge, è un mercato prevalentemente alimentare dove si trovano sia bancarelle per godersi un po’ di street food (la parte vegeteriana è A D O R A B I L E ) sia veri e proprio banchi della frutta, del pesce, dei formaggi. Old Spietalfields è invece a dieci minuti a piedi dalla fermata di Liverpool Street Station (quindi sì, volendo potete anche anche a Brick Lane nella stessa giornata), è aperto sette giorni su sette, alternando però “il tema” del mercato – per esempio, il sabato è “il giorno del Vintage” e gli amanti degli occhiali anni ’50 avranno un sacco di opportunità in più rispetto agli altri giorni di alleggerire il portafoglio. C’è anche una parte alimentare/street food, ma è piccola e non la consiglierei per cercare di gustarsi qualcosa di tipico.

bm3

bm1

bm

Little Venice prima di Camden Town
Little Venice non è certo l’angolo di Londra più conosciuto dal turista medio, ma merita una visita. Casine e barchette si specchiano nel canale, e tutto intorno l’atmosfera è rilassata e piuttosto silenziosa. Da lì si può proseguire a piedi (attenzione, non è vicinissimo) fino alle chiuse del Camden Lock, passeggiando lungo il Regent’s Canal. Personalmente non farei una mini crociera a Londra, ma nel caso qualcuno ne avesse voglia, Little Venice potrebbe essere il posto giusto per informarsi e salpare. È molto vicina alla Warwick Avenue Station.

littlev

*bonus per persone un po’ nerd e un po’ organizzate
Gli amanti di Harry Potter non dovrebbero e non potranno fare a meno di andare, almeno una volta nella vita, a visitare gli Warner Bros Studios, dove gli otto film sono stati girati. Gli Studios si trovano leggermente fuori Londra, per raggiungerli occorre andare alla fermata London Euston e prendere il treno (il treno, mi raccomando, il treno: si può prendere anche la metro ma avrete tempo di invecchiare nel tragitto) per Watford Junction, da lì uno shuttle (già addobbato a tema) vi porterà fino alla meta. Sia i treni che gli autobus sono molto frequenti, calcolate che il viaggio da London Euston dura una quarantina/cinquantina di minuti a seconda della coincidenza fra i due mezzi.
La visita agli Studios però non si può improvvisare: è necessario prenotare il biglietto online. Si può scegliere di riceverlo a casa o si ritirarlo direttamente in loco stampando la prenotazione: personalmente consiglio la seconda opzione, non ho trovato file eccessive, ma forse in alta stagione la situazione è più drammatica.
La visita costa 35 sterline, e so che non è particolarmente economica, ma vale fino all’ultimo centesimo. Per chi è cresciuto con Harry, ed è rimasto con lui fin proprio alla fine, scoprire come volano le scope o salire sull’Hogwarts Express è un’emozione unica che si può provare solo ed esclusivamente agli Studios.

wbs

da

ww

hogw

 

Link utili:
Hackney City Farm
Museum of London – Official Site
Borough Market – Home
Old Spitalfields Market
Warner Bros. Studio Tour London – The Making of Harry Potter

Annunci

4 pensieri su “7+1 cose da fare a Londra (quando ormai siamo all’ottocentesimo viaggio a Londra)

  1. elisabetta innocenti

    Affascinante viene voglia di andare a Londra subito ..
    Sei troppo avanti….continua cosi….
    forse la scrittura e’ la tua strada?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...